.
Annunci online

jaisalmer


Diario


28 marzo 2006

Parlarsi addosso

Eppure io credo che se ci fosse un po’ più di silenzio,
se tutti facessimo un po’ di silenzio,
forse qualcosa potremmo capire.



Il tenutario e' sempre stato un aficionado dei film di Fellini: ma l'ultimo - La Voce Della Luna - in un modo o nell'altro non era mai riuscito a vederlo. Ieri ha potuto colmare questa lacuna.
Sono presenti molti dei temi felliniani - il ricordo, anche se in modi piu' sfumati; i pagliacci, nei due personaggi - collodiani, li si potrebbe definire usando le sue parole - di Roberto Benigni e Paolo Villaggio; la caciara-circo-casino; l'universo ambiguo delle donne; l'ingenuita', la furbizia e lo stupore; e tanti altri.
E' un film che si puo' leggere su piu' livelli: ma forse aiuta leggersi il romanzo di Ermanno Cavazzoni dal quale e' tratto. Il personaggio di Benigni - e di Villaggio, che entra e esce dal film - e' a tratti commovente, di una comicita' drammatica che prefigura a tratti quella di La Vita e' Bella (anzi, direi, forse e' stata questa, piu' che quella del film che gli ha dato l'Oscar o tante altre, la sua migliore interpretazione). E' una sinfonia con capo e senza coda, o viceversa - la giusta analogia e' forse con una performance jazz. E' improvvisato, ma con tanti fili conduttori, e la luna e' uno di questi. Tutti parlano, tutti vanno, tutti vengono, tutti aspettano, tutti si fermano, tutti ripartono. E paradossalmente, solamente i folli sembrano essere i piu' lucidi e sani della societa'. Non piacera' a tutti, ma e' un gran bel film, un piccolo capolavoro pieno di riflessioni sulla vita.




permalink | inviato da il 28/3/2006 alle 14:41 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia     febbraio        aprile
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Musica
Società
Letteratura
Sport
Tecnologia

VAI A VEDERE

Wittgenstein
Camillo
Emmebi
Le Stanze di Gaia
Leonardo
The Petunias 2.0
Squonk
Zittialcinema
Quarky
MicroBlogGiallo
Quattroeunquarto
VierBanalitaten
1972
Leibniz
Lo Spino nel Qlo
DottorConfuso
Macchianera
ConiglioCattivo
Gonio
Rolli
Giuda Maccablog
FdC
GasparTorriero
ManteBlog
Klamm
GiovaniTromboni
BrodoPrimordiale
Paferrobyday
Healing Iraq
Attentialcane
Rabbi
Chettimar
Motel dei Polli Ispirati
Scary Duck
Groucho Mele
Akille
White and Disturbed
McSweeney's
Random Acts of Reality
Magenta&Woland
Haramlik
Improbable Research
Nina & Rita
Room101
RestoDelMondo
Mike Matas
-->Entropicon<--


Quote/Unquote, I

"Mathematics is for those who want to know;
Poetry, for those who know."


Jaisalmer

Quote/Unquote, II

"La libertà dell'individuo è cosa della massima importanza; su essa e solo su di essa può germogliare la vera libertà del popolo"

"The liberty of the individual is the greatest thing of all; it is on this and this alone that the true liberty of the people can blossom."

Alexander Herzen, Dall'altra sponda (From the other shore)

Locations of visitors to this page

CERCA